Richiedi informazioni

Dichiaro di aver letto l' informativa e, con specifico riferimento alle finalita', presto consenso al trattamento dei dati








Come proteggere le informazioni aziendali

Il Codice in materia di protezione dei dati personali ed i successivi provvedimenti costituiscono il modello che ogni organizzazione deve adottare per garantire la protezione dei dati personali. Il Codice Privacy interviene sia a livello organizzativo che tecnologico, dettando le linee guida per l’implementazione di misure idonee di sicurezza. Col tempo anche le aziende hanno capito, stanno capendo, che il costo di adeguamento al “Codice Privacy” può essere considerato in realtà un ottimo investimento perché risponde ad una esigenza non più procrastinabile: quella di proteggere le informazioni aziendali, oggi entrate di prepotenza nel mondo dell’alta disponibilità (virtualizzazione, mobile, cloud).

Il ragionamento è banale: se il modello applicato funziona per proteggere i dati personali allora può sicuramente funzionare per proteggere anche le informazioni aziendali. Soprattutto quando il legislatore stabilisce le funzioni e gli obiettivi cui deve assolvere la sicurezza e poi ogni titolare stabilisce quali eventuali ulteriori misure di sicurezza adottare per la propria organizzazione. Appare oggi evidente come l’unico modo efficace di affrontare il problema della sicurezza dell’informazione è attraverso una visione integrata: organizzativo-gestionale insieme a tecnologico-informatica (giova ricordare anche come il Codice Privacy definisce la sicurezza come complesso delle misure tecniche, informatiche, organizzative, logistiche e procedurali.

Si rende necessario un immediato balzo culturale che aggiorni gli attuali comportamenti: il problema della sicurezza non è di esclusiva competenza del responsabile IT ma deve coinvolgere il Board e necessita di competenze multidisciplinari, anche organizzative e legali insieme a quelle tecniche e tecnologiche.

A bene leggere, anche il Codice in materia di protezione dei dati personali disciplina tutti i dati e le informazioni; si preoccupa dell’intero flusso informativo dell’organizzazione e non soltanto del singolo dato.

Nello scenario odierno l’alta disponibilità dell’informazione costituisce il vero driver strategico per lo sviluppo aziendale e pone la difficile sfida nel riuscire ad implementare adeguate misure di sicurezza, sfida che, a maggior ragione, deve essere ritenuta strategica. Se così non sarà, il rischio che le organizzazioni dovranno sopportare sarà molto elevato fino a minare, al verificarsi delle minacce più potenti, l’esistenza stessa dell’organizzazione.