Richiedi informazioni

Dichiaro di aver letto l' informativa e, con specifico riferimento alle finalita', presto consenso al trattamento dei dati








Privacy Day 2013

Le informazioni sono il nuovo asset aziendale: bene prezioso e “pericoloso” da regolamentare, da proteggere ma soprattutto da utilizzare in modo efficace sfruttando tutta la potenza delle nuove tecnologie (cloud, mobile). Le aziende devono essere convinte ad affrontare questo paradigma, che determinerà la sopravvivenze ed il livello di successo di ognuna di esse. Il count-down è già iniziato, ripensare l’azienda partendo delle informazioni è già una realtà in USA dove esiste un nuovo manager, il Chief Digital Officer (C.D.O.), che ha il compito di riorganizzare il business partendo proprio dalla gestione dei dati aziendali.

Le informazioni residenti nei data base non hanno tutte lo stesso valore. Investire in protezione, in maniera non conscia ed indiscriminata, risulta essere uno sforzo non proficuo. Le informazioni vanno stratificate per valore e su di esse bisogna costruire, per ogni categoria il giusto modello di gestione, mantenendo il livello di protezione adeguato. Per ottenere un buon risultato bisogna mixare competenze multidisciplinari: informatica (le basi dati sono trattate elettronicamente), gestione d’azienda e finanziaria (business-plan, piano di investimenti, ROI) ed anche giuridiche (sono coinvolte diverse normative a partire dalla Privacy e al nuovo regolamento europeo) L’azienda che utilizza al meglio le informazioni, e le sa proteggere ha maggiori possibilità di aumentare il proprio business. Da una indagine di Gartner, si stima che entro il 2015 il 25% delle aziende americane avrà in organigramma un C.D.O. questa nuova figura manageriale che raggruppa tante responsabilità da meritare di sedersi uno o due posti a fianco del C.E.O. nei board of directors.

Un’azienda che vuole svilupparsi non può prescindere dall’avere dati disponibili, integri, riservati. Un’azienda di successo non potrà più esistere se non saprà rispondere a tre banali domande: quali informazioni possiedo? Dove risiedono? Chi può accedervi?

scheda Federprivacy(Federprivacy)

programma()PrivacyDayForum2013.pdf